Giancarlo Malandra Fotografia

Peschereccio Alessandro - La pesca a volante

A bordo del peschereccio Alessandro che svolge l'attività di pesca con il metodo a volante. Questa tecnica di pesca prevede il traino di un’unica rete da parte di due imbarcazioni, che non sempre appartengono alla stessa impresa. Normalmente le imbarcazioni che svolgono queste attività sono medio - grandi, di 15 - 27 m di lunghezza, ed esercitano l’attività entro le 20 - 40 miglia nautiche (pesca costiera ravvicinata).
La pesca prevede il calo della rete da parte di un’imbarcazione, successivamente la barca di coppia la affianca e riceve l’estremità di un cavo di traino. A questo punto le due barche allargano e incominciano la traina, chi di pesce, riveste l’utilizzo dell’ecoscandaglio. Attraverso questo strumento infatti è possibile individuare i banchi del pesce, la loro consistenza e la loro posizione sulla verticale.
Tratto da "Lavorare nella Pesca e nella Maricoltura"